Interpreti dei Testi

1996-2000

Ugo Pagliai – Paola Gassman
Gli attori Ugo Pagliai e Paola Gassman formano insieme alla cantante Loredana D’Anghera il trio artistico che distingue la manifestazione nella sua inedita formula di interpretare le canzoni, così mirata a facilitare l’analisi musical-letteraria. “Lunezia è un premio

senza eguali” così commenta Fabrizio De Andrè nel 1997 alla fine dell’interpretazione recitata delle 10 opere finaliste.
Il mito, la bravura della Gassman e il grande talento di Pagliai raccolgono sempre un sorprendente silenzio in platea, per concludersi in memorabili ovazioni sulla chiusura di testi come “Cirano” (candidata nel ’97) nota per la versione musicale di Francesco Guccini. La loro performance continua a stupire anche nelle edizioni successive dove i due interpreti si arrampicano con geniale professionalità in liriche meno “dolci”, ma così scelte dalla giuria come “Forma sostanza” C.S.I., “Acida” Prozac + , “Respiro” Almamegretta, etc.

La recita dei testi dei brani candidati è affidata alla bravura di questi due attori sino all’edizione 2000.

2001

Giuseppe Pambieri – Lia Tanzi
Per l’edizione 2001 del Premio Lunezia saranno gli attori Giuseppe Pambieri e Lia Tanzi ad affiancare Loredana D’Anghera nell’interpretazione dei testi candidati.
Giuseppe Pambieri raggiunge il maggior successo con gli sceneggiati televisivi – Le sorelle Materassi, di Palazzeschi, per la regia di Ferrero (1972) – e le fiction -Incantesimo, al fianco di Paola Pitagora, Delia Boccardo, Valentina Chico e Alessio Boni -, ma Giuseppe Pambieri, oltre ad aver lavorato anche nel cinema interpretando nel 1973 La polizia è al servizio del cittadino?, nel 1974 Il lupo dei mari, nel 1976 La liceale e La poliziotta fa carriera Squadra antifurto, nel 1977 Il mondo dei sensi di Emy e Wong , nel 1978 Ligabue è soprattutto uomo di teatro. Insieme alla moglie e dai primi anni ’90 alla figlia Micol. Interpreta Goldoni, ma soprattutto Shakespeare: La bisbetica domata, Molto rumore per nulla, Il mercante di Venezia. Nella stagione 1988-1989 è in Il guardiano, per la regia di Guido De Monticelli e Mardi 14 rien, dagli atti del processo a Luigi XVI, con la regia di Gervasio. In Rumors, regia di De Bosio, Tre sull’altalena, 1994, regia di Piccardi e L’uomo, la bestia e la virtù di Pirandello le altre sue recitazioni.
Nel 2001 è uno dei protagonisti di Incantesimo 4.

Lia Tanzi nell’estate del ’69 con Giuseppe Pambieri è al Festival di Spoleto nella Spada di Damocle di Nazim Hikmet. In seguito prende parte a diverse commedie e sceneggiati televisivi: Alta società, La Canarina Assassinata, Estate e Fumo di Tennessee Williams, Rosso Veneziano, Camilla, Il Barone e il Servitore. Con Alberto Lionello lavora in teatro ne L’Anatra all’arancia e in tv in Sarto per signora di Feydeau, regia di P. Cavara. E ancora, per la regia di Cavara, è nel Fregoli, insieme a Gigi Proietti.
Al cinema debutta con Ugo Tognazzi in Permette signora che sposi vostra figlia?, per la regia di Polidoro. A cui seguono: La stanza del Vescovo, per la regia di Dino Risi, Una sera ci incontrammo, di Piero Schivazappa, Quando la coppia scoppia, di Steno, La Banca di Monate, Speed Cross, Ho sposato una strega. Comincia a fare coppia con il marito Giuseppe Pambieri nel Re Lear di Shakespeare per la regia di Giorgio Strehler, nel Seduttore (1978-79) di Diego Fabbri, per la regia di Franco Enriquez.
Nel 1993-94 interpreta Tre sull’altalena di G. Lunari, nel 1994 è Beatrice in Molto rumore per nulla di Shakespeare, per la regìa di A. Syxty che la dirige anche in un suo testo, Pietre. Nel 1994 viene chiamata da Nino Manfredi per Gente di facili costumi di N. Marino e dello stesso Manfredi. Nel 1996 è nel Mercante di Venezia al Festival Shakespeariano di Verona. E nel 1998-99 porta in scena Pallottole su Broadway per la regìa di E. Maria Lamanna. Nel 1999 è protagonista, accanto a Cochi e Renato, della nuova serie Rai Nebbia in Val Padana per la regia di Felice Farina.

2002

Veronika Logan e Edoardo Siravo
Per l’edizione 2002 la recita dei testi dei brani candidati viene ancora diversificata affidandola all’interpretazione di due attori dalla soap-opera “Vivere”: Veronika Logan ed Edoardo Siravo.

Si offre così un tono ancora diverso all’espressione recitata delle canzoni, dal cipiglio teatrale di Pambieri – Tanzi ( edizione 2001) e Pagliai – Gassman (ediz. 96 – 97 – 98 – 99 e 2000 ) si vira , con Siravo e Logan , ad uno stile quasi più scanzonato , incerto , che colpisce positivamente, il pubblico presente.

Tutte le recite sono sempre accompagnate dall’ atmosfera rarefatta della melodia pianistica del brano in questione.   Il concetto e la parola Repican (Re=recita, Pi=piano, Can=canto) saranno annunciati ufficialmente a Rai Music nell’estate 2011.  Con la dicitura Repican ci si riconduce alla formula ideata dal Premio Lunezia di presentare le canzoni con un mix di recita del testo, melodia pianistica e/o orchestrale, sino all’interpretazione tradizionale eseguita dal cantante vincitore.

2003

Edoardo Siravo (da “Vivere”) – Andrea Pierdicca (Teatro Stabile di Genova)

2004

Andrea Pierdicca (Teatro Stabile di Genova)

2005

Claudio Capone ( inconfondibile voce televisiva dei documentari di “Quark” e di Ridge in “Beautiful”)

2006

Roberto Chevalier, Chiara Colizzi (celeberrime voci cinematografiche di Tom Cruise, Nicole Kidman, Kate Winslet)

2007

Roberto Chevalier, Chiara Colizzi (celeberrime voci cinematografiche di Tom Cruise, Nicole Kidman, Kate Winslet)

2008

Roberto Chevalier e Micaela Esdra (celeberrime voci di Tom Cruise e Kim Basinger)

2009-2011

Roberto Chevalier, Riccardo Monopoli (attore professionista)